ARCHIVIO

27 Marzo 2020

“Sauna on köyhän apteekki.” – “La sauna è una farmacia per poveri.”

 

Joy N. Hussain, Ronda F. Greaves, Marc M. Cohen,
“A hot topic for health: Results of the Global Sauna Survey”,
Complementary Therapies in Medicine, Volume 44, 2019,
Pages 223-234,
ISSN 0965-2299,
https://doi.org/10.1016/j.ctim.2019.03.012.
(http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0965229919300998)

La sauna tradizionale finlandese

La sauna è una tradizione antica: le prime testimonianze storiche risalgono alla Finlandia del XII secolo, ma l’utilizzo di bagni di calore è riconducibile ad usanze che hanno radici anche più profonde.

Fin dall’età della pietra l’uomo imparò che, per scaldare gli ambenti in cui viveva, poteva utilizzare sassi e ciotoli caldi. Molte culture in tutto il mondo svilupparono tale conoscenza, allestendo locali adibiti alla pulizia, al relax e alla salute, spesso legati anche a riti di purificazione.

Ad esempio la costruzione di capanne sudatorie era usanza comune di molte popolazioni pre-colombiane del nord e centro America: ne sono un esempio gli Inipi dei Sioux e i Temescal di Maya e Aztechi. Gli antichi Romani svilupparono e diffusero una vera e propria cultura delle terme, in cui l’alternanza di immersioni nelle vasche di acqua calda (Calidarium) e fredda (Frigidarium) ricorda per molti versi l’esperienza della sauna.

In Medio Oriente ebbe origine invece il bagno turco, che prevede l’utilizzo di vapore. Le prime tracce risalgono all’antico Egitto e ai Greci, ma la tradizione venne ripresa e diffusa dagli arabi sotto il nome di Hammam.

In Asia usanze simili erano comuni in Russia (Banja) e in Giappone (Mushiboro). Con tutta probabilità fu proprio da questi territori che i Finlandesi importarono la consuetudine del bagno di calore, sviluppandola in quella che oggi, in tutto il mondo, è conosciuta come sauna finlandese.

Originariamente si trattava di un semplice buco nel terreno, attorno al quale veniva costruita una capanna, ricoperta poi di terra. All’interno veniva quindi allestito un cumulo di pietre, una sorta di rozzo caminetto sotto il quale veniva acceso il fuoco.

Queste primitive e rudimentali saune venivano usate come vere e proprie abitazioni durante i mesi più freddi. La presenza di calore permetteva infatti di svolgere al loro interno tutte le funzioni tipiche di una dimora. Grazie al caminetto era possibile cucinare ed affumicare carni e pesci. Versando la neve sulle pietre incandescenti si poteva generare vapore, con cui era possibile riscaldare l’ambiente e pulire il corpo anche in assenza di acqua. Il vapore rendeva l’ambiente non solo caldo, ma anche sterile, creando un ambiente ottimo per il parto dei neonati.

La struttura subì una costante evoluzione nel corso del tempo: il camino della Savusauna (ossia “sauna di fumo”) divenne più sofisticato assumendo la forma di un forno, le pietre vennero ricoperte con un cono di metallo, utilizzato come cappa per il fumo. Anche la struttura esterna divenne meno rudimentale e, agli inizi del XIX secolo, i finlandesi iniziarono a costruire vere e proprie baite in legno, dotate di stufa con camino e, in seguito, di stufa elettrica.

Fu nel primo dopoguerra che la sauna finlandese divenne celebre a livello internazionale. Durante le olimpiadi di Berlino del 1936 gli atleti della Finlandia stupirono il mondo intero con la loro prestanza fisica. Le altre nazioni non poterono fare a meno di notare le strane casette che erano state predisposte dai finlandesi nel villaggio olimpico, pensando che fosse quello il segreto degli straordinari successi ottenuti. Da li in avanti la cultura della sauna si diffuse in tutto il mondo, spopolando all’interno di centri benessere, spa e palestre per poi estendersi alle abitazioni private con le saune da casa.

I finlandesi sono sempre stati soliti immergersi, dopo la sauna, nelle acque gelide del mare o di un lago, oppure gettarsi nella neve. Il passaggio repentino dal caldo al freddo genera infatti numerosi benefici. Attualmente, nelle saune di tutto il mondo, per replicare l’effetto oggi vengono utilizzate delle apposite docce.

In epoca recente la sauna ha poi conosciuto diverse declinazioni, unendo i suoi benefici a quelli dell’aromaterapia e della cromoterapia, fino all’utilizzo dei raggi infrarossi come fonte di calore.

Mente e corpo si rilassano e riacquistano energia, mentre tutto il fisico elimina le tossine con effetti benefici su organi come cuore, fegato e reni. La sauna, però, è anche molto altro e molto di più perché purifica la pelle ed aiuta ad elimina gli inestetismi cutanei e i segni della cellulite.

Oggi le saune moderne possono essere introdotte in piccoli spazi domestici e danno la possibilità di realizzare una “spa” nella mansarda di casa o in un piccolo vano abilmente sfruttato grazie ad una progettazione su misura. Esperti nella lavorazione del legno, realizziamo da decenni saune professionali e da casa, curando il design e scegliendo solo materiali di elevata qualità.

 

HOME > FILOSOFIA > PLANET GREEN > PLANET GREEN 06 > MATERIA

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial